L’argomento è preoccupante, lo comprendiamo bene. E da prendere – quindi – con la dovuta serietà. Le importanti restrizioni del più recente Decreto Legge emanato del governo per fare fronte, in tutt’Italia, all’emergenza sanitaria causata dal diffondersi del Covid-19, hanno cominciato a condizionare – e continueranno a farlo per le prossime settimane – la vita quotidiana di tutti gli italiani. Costretti, in buona sintesi, a un isolamento coatto nelle proprie abitazioni, al motto dell’hashtag #iorestoacasa.

Sommario dei Contenuti nascondi

Una condizione che, se a qualcuno può sembrare una costrizione difficile (quasi impossibile) da sopportare, ad altri – più ingegnosi e pragmatici – ha invece fatto scattare nell’animo apprezzabili buoni propositi. Esprimere il proprio talento culinario sperimentando piatti inediti. Recuperare filmografie indispensabili per ogni buon cinefilo. Rileggere i grandi classici della letteratura.

LEGGI ANCHE

Coronavirus e viaggi: chi ha diritto al rimborso e chi no
Insomma, in questo momento delicato e – inutile nasconderlo – per molti versi tragico, crediamo che importante sia anche mantenere accesa la fiammella dell’ottimismo. Cogliendo, di quel che ci sta accadendo, gli aspetti più positivi. E non è sottovalutare il problema pensare, anche, ad aspetti apparentemente più superficiali e meno fodamentali.

Che sia bricolage o decluttering, pasticceria o binge watching l’attività scelta per trascorrere in modo meno insopportabile i giorni che dovremo trascorrere tra le mura domestiche, uno è il consiglio glamour che ci sentiamo di voler dare: non lasciamoci andare, non buttiamoci giù. Non trascuriamoci. Non abbassiamo la guardia della cura di se stessi.

Dando per scontato – lasciateci sognare – un bel riassetto mattiniero (doccia e pettinata di massima, at least), il nostro vademecum per affrontare con stile (o qualcosa del genere) l’autoisolamento potrebbe essere il seguente:

No al pigiama 24/24: lo sappiamo, la tentazione di passare dal letto al divano al tavolo da pranzo, e poi ancora al divano e al letto senza neppure cambiarsi è alta. Ma cedere ad essa sarebbe l’inizio della fine. Non prestiamo il fianco all’abbrutimento, e sfiliamoci il pigiama appena alzati, come prima cosa. Superato questo scoglio, la giornata procederà in discesa.

Tuta? Nì: la comodità prima di tutto, e su questo non ci piove. Ma il confine tra comodità e sciatteria è quanto mai labile: basta un saltino per superarlo. (Non) facciamolo per noi, o per chi vive con noi. Perché esistono tute e tute: al bando quelle informi, scalcagnate, sdrucite. Ben vengano quelle couture. E valutiamo anche l’ipotesi di indossarne solamente la parte inferiore: sopra possiamo preferire – che so – un bel maglione, anche in cashmere (se non suana troppo radical chic).

Il dramma, le ciabatte: niente, ma proprio niente può essere più avvilente e mesto di un paio di ciabatte logore e malmesse. Piuttosto, non c’è paragone: meglio un bel paio di calze magari tricottate a mano. O, ancora, comode sneaker, ma nuove di zecca e destinate al solo uso casalingo.

Che buon profumo di lavanda: non perché siamo reclusi in casa, che qualcosa ci autorizzi a non cambiarci. Facciamolo, anzi, più del solito. Vuoi mettere il piacere di avere sempre quel buon odore di biancheria pulita?

Meeting in chat: molti di noi, nonostante le restrizioni, lavorano in modalità smart, e hanno appuntamenti quotidiani coi colleghi per riunioni e meeting via webcam. Ecco, per rispetto nostro (in primis) e altrui, presentiamoci agli appuntamenti «come si deve»: un maglione in ordine, maglietta fresca di bucato, una felpa divertente. Dalla vita in su? Non solo: magari preferiamo anche jeans al posto dei pantaloni della tuta almeno per il tempo della videochat. Io poi ci aggiungo anche una goccia di profumo, ma questi sono problemi tutti miei.

Eleganti per l’ape: la necessità aguzza l0’ingegno, ed è così che è esplosa la tendenza degli aperitivi in chat con gli amici. Ognuno organizzato col suo bicchiere di vino e i suoi stuzzichini, a chiacchierare via cam, lontani ma vicini. Vestiamoci (quasi) come se dovessimo uscire, esibiamo la nuova giacca o tiriamo fuori l’abito che non abbiamo ancora avuto l’occasione di indossare. Sarà un piccolo, innocente autoinganno. Ma che ci aiuterà a tenere più alto l’umore. Assieme al vino, certo.

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande,dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di gomoda è al tuo servizio per la scelta del prodotto migliore. Un saluto!

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie se accetti e continui ad utilizzare il nostro sito web. Per ulteriori informazioni leggi la nostra Privacy Policy.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec
  • CookieConsent
  • PHPSESSID
  • __cfduid
  • local_storage_support_test
  • wc_cart_hash_#
  • wc_fragments_#

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi