In Gucci
In Lanvin
In Gucci
In Gucci
In Gucci
In Gucci
In Gucci
In Gucci
In Gucci
In Gucci

Tornato in scena lo scorso ottobre con il singolo Lights Up, Harry Styles, dopo un periodo di silenzio e lavoro dietro le quinte, è riapparso in una versione rinnovata non solo dal punto di vista musicale, ma anche fashion. Dopotutto, lo stile investe tutto, e nel caso del cantante sembra coincidere con un’auto-affermazione di sé sempre più chiara e libera da qualsiasi cliché sociale o stereotipo: il brano stesso con cui Harry ha lanciato il suo nuovo album parla di un’identità finalmente trovata, segnata da una fluidità consapevole. Ben diversa dall’ambiguità.

«Voglio che le cose sembrino in un certo modo. Non perché mi fanno sembrare gay, o etero, o bisessuale, ma perché penso che sia bello» ha dichiarato Harry Styles in una recente intervista al The Guardian, in riferimento al suo orientamento sessuale. Che, da sempre, sembra essere stato dedotto proprio dalla mancanza di linee di demarcazione – di genere – nette nel suo guardaroba. «Quello che indossano le donne… Cosa indossano gli uomini… Per me non è questo il problema» ha aggiunto il cantante, ribadendo la sua più assoluta lontananza dalle etichette. Una distanza che negli ultimi tre anni è diventata ancora più grande, dopo aver preso il pieno controllo della sua immagine pubblica.

Da quando ha iniziato la sua carriera da solista dopo i One Direction infatti, Harry Styles ci ha dato prova più volte della sua originalità gender fluid in fatto di stile: facendo affidamento alla sua naturale sensibilità british, il cantante attinge spesso, in particolare, ai codici di stile degli anni ’60 e ’70, dai colori e dalle proporzioni della Swinging London al tocco trasgressivo del glam rock, sfoggiando jeans attillati, camicie hawaiane e stivali luccicanti. Sino alle bluse con maniche a palloncino, i completi formali a fiori o ultra sparkling, o ancora i dettagli a balze e i pantaloni svasati da marinaio. Sebbene sia stato vestito per anni da Saint Laurent, e saltuariamente da Calvin Klein, Alexander McQueen, e Harris Reed, da quando è diventato testimonial di Gucci, Harry Styles è entrato in piena sintonia con la visione di Alessandro Michele, incarnando naturalmente un’estetica liberata dai limiti di genere. Un simbolo di creatività, determinazione e, perché no, maturità artistica. Nella gallery, i migliori look gender fluid di Harry Styles, che oggi compie 26 anni.

LEGGI ANCHE

Harry Styles e Lady Diana: una pecora per due

LEGGI ANCHE

Harry Styles sulla sua sessualità: «Non gioco a fare l’ambiguo, cerco solo il bello»

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie se accetti e continui ad utilizzare il nostro sito web. Per ulteriori informazioni leggi la nostra Privacy Policy.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec
  • CookieConsent
  • PHPSESSID
  • __cfduid
  • local_storage_support_test
  • wc_cart_hash_#
  • wc_fragments_#

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi