Gucci
Alberta Ferretti
Saint Laurent
Havaianas
Kenzo
Casadei
Michael Kors
Giorgio Armani
Prada
Sisley
Etro
Blumarine
Miu Miu
Patrizia Pepe
Sportmax
Hugo Boss
Acne Studios
Yohji Yamamoto
Guess
Valentino

A Castiglioncello, piccola e pittoresca frazione di Rosignano Marittimo, in provincia di Livorno, sembra che il decoro pubblico sia una questione di grande importanza. Soprattutto per alcuni abitanti, che si sono schierati contro l’estetica – e, probabilmente, l’inquinamento acustico – delle ciabatte da spiaggia: a esprimere il curioso divieto verso le calzature più gettonate delle giornate a bordo mare, un cartello fai da te spuntato in via Bengasi, creato talmente bene da apparire in tutto e per tutto come un’indicazione stradale ufficiale. Nel divieto compaiono infatti un paio di infradito nere, disegnate su sfondo bianco e sbarrate da una striscia diagonale rossa, accompagnate dalla scritta sottostante che vieta di «ciabattare», tradotto anche in inglese per i turisti stranieri.

L’immagine sta rimbalzando da un parte all’altra dei social, con commenti pungenti e tanta ironia, ma fa sorgere anche una domanda spontanea: le infradito sono così terribili? Assolutamente no. Questi sandali esistono da migliaia di anni. Basti pensare che si ha testimonianza dei primi modelli già dall’Antico Egitto, ovvero circa 4000 anni avanti Cristo, in papiro e foglie di palma. Esemplari di queste calzature sono poi stati ritrovati anche in Sud America, per cui i nativi impiegavano (e impiegano oggi) la yucca, in Africa, dove i Masaai le realizzano tuttora in pelle animale, e ovviamente in Cina e Giappone, dove i più antichi sandali venivano creati in fibra di riso. E tanti modelli, oggi, li ritroviamo… in passerella.

Come ogni calzatura esistente dall’alba dei tempi (e non), anche le infradito sono state reinterpretate innumerevoli volte dai designer, in modalità più o meno elegante, in linea con le tendenze del momento, dal tocco pop o estremamente minimaliste. Nella gallery, le più glam di stagione, dalle sfilate agli scaffali virtuali dei brand. Dei sandali che, siamo certi, potrebbero piacere anche ai cittadini più anti-ciabatta di Castiglioncello.

LEGGI ANCHE

La rivincita delle «ugly shoes»

LEGGI ANCHE

Le ciabatte, indossate con calzini bianchi, di Chiara Ferragni sono già un fenomeno social

ARTICOLO TERMINATO!

E come sempre ti raccomandiamo: se hai domande,dubbi, chiarimenti di qualsiasi tipo, scrivici nei commenti o lascia la tua valutazione! Il team di gomoda è al tuo servizio per la scelta del prodotto migliore. Un saluto!

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie se accetti e continui ad utilizzare il nostro sito web. Per ulteriori informazioni leggi la nostra Privacy Policy.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi: %s.
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec
  • CookieConsent
  • PHPSESSID
  • __cfduid
  • local_storage_support_test
  • wc_cart_hash_#
  • wc_fragments_#

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi